Pioggia alla Festa dell’Uva

La pioggia bagna ma non ferma la Festa dell’Uva

Grande successo per le prime due serate della tre giorni enologica coneglianese, e molte le presenze registrate la domenica nonostante la pioggia.
Domenica mattina molta gente anche alle registrazione di Ricette all’Italiana, con Conegliano e le sue eccellenze al centro del programma
Per la Dama Castellana al via ora gli appuntamenti con le cene di “Conegliano incontra i vini veneti” e il periodo verso il Premio Civilitas.

La pioggia quest’anno ha cercato di demoralizzare la nota manifestazione autunnale coneglianese, la Festa dell’Uva, tenutasi il weekend del 22-23-24 settembre in Piazza Cima, ma invano: la passione per il vino del nostro territorio non ha temuto il brutto tempo e in numerosi sono accorsi anche domenica 24 settembre.
Oltre 10mila le persone accorse dalla città del Cima e tutte le zone limitrofe, in linea con i numeri delle scorse edizioni. “Ci riteniamo soddisfatti, anche se l’amaro in bocca rimane per questa domenica pomeriggio che avrebbe potuto portarci a stabilire un record di presenze assoluto” affermano gli organizzatori.
Successo dovuto in primis dalla qualità del vino in mescita, oltre 300 etichette selezionate e vincitrici di almeno un riconoscimento al Concorso Enologico EnoConegliano, concorso stesso che ha registrato un aumento considerevole di cantine e vini partecipanti. “Sono state molte anche le cantine che hanno voluto partecipare alla serata di premiazione, ed i feedback ricevuti sono molto positivi. Ci ha anche scritto un consorzio padovano, per farci i complimenti e per comunicarci la soddisfazione e l’orgoglio delle cantine a loro affiliate per i premi ricevuti”- affermano i priori di EnoConegliano- “Questo ci fa ben sperare per la prossima edizione del Concorso Enologico, che sarà la ventesima: Conegliano si sta piano piano affermando come il centro di promozione dei vini veneti, così come il Vinitaly lo è a livello internazionale”.
Grande apprezzamento non solo verso il vino, ma anche verso i prodotti alimentari presso gli stand di alcuni ristoranti e attività partecipanti all’iniziativa “Incontri con il Gusto”: Antica Trattoria Stella, Speedy Pizza, Liolà Caffè e Latteria Soligo, che hanno accontentato tutti i palati e tutti i gusti offrendo formaggio, pizza, piatti tipici veneti.

Quest’anno la regione protagonista era l’Umbria ed in particolare i prodotti provenienti dalle zone terremotate: l’Associazione Dama Castellana, grazie al volontariato di alcuni membri, ha stretto un forte legame di collaborazione ed aiuto con il paese di Norcia e i suoi abitanti, tanto che è la seconda volta che sono stati ospitati a Conegliano. E quale scenario migliore della Festa dell’Uva, manifestazione che valorizza i prodotti autoctoni?
Fatto centro anche col programma d’intrattenimento, che ha divertito per tre giornate gli spettatori proponendo un mix di spettacoli: grande affluenza di pubblico per la serata di venerdì con il Karaoke dei Karavoice e soprattutto il sabato, grazie ai Cinquequarti. La domenica pomeriggio alte presenze per la presentazione dell’Imoco Volley, spostata sotto la Loggia del Municipio causa brutto tempo. La pioggia non ha voluto fermare però quei temerari che domenica mattina si sono presentati in Piazza per le registrazioni del programma “Ricette all’italiana”, con al centro Conegliano e le sue eccellenze. Nutrito il gruppo di volontari dell’Associazione Dama Castellana che ha preso parte ai ciak: il nostro Gruppo Tamburi & Sbandieratori Dama Castellana, la Dama di Piazza Laura e altri nostri figuranti, l’enologo Marzio Pol e la cuoca Valeria.
La qualità dei vini delle cantine che hanno partecipato al concorso EnoConegliano si potrà degustare ancora grazie alla rassegna “Conegliano incontra i vini veneti”, che per il quarto anno consecutivo, a seguito del grande successo riscontrato nelle edizioni precedenti, ripropone una serie di cene nei locali più caratteristici del territorio coneglianese. Nove cene in nove settimane che da venerdì 7 ottobre porteranno i vini premiati nei locali coneglianesi, permettendo così ai commensali di apprezzare ciascun vino con la guida di un enologo professionista ed accompagnati da un menù creato ad hoc per ogni cena. Si parte quindi il 4 ottobre alla Trattoria Costabella, passando poi per Al Ponte Maset, Ristorante Al Salisà, Ristorante Al Castello, Per -Perenzin, Osteria Ripasso, Ristorante al Corso, Ristorante Dissapore, e concludendosi presso l’Associazione Dama Castellana.
Il calendario degli appuntamenti, con i menù ed i vini protagonisti, si trova sulla pagina facebook e sul sito dell’Associazione. Tutte le cene sono solo su prenotazione ed è possibile prenotare direttamente contattando il ristorante. Venerdì 29 settembre alle ore 18.00 presso il caffè Teatro si terrà la presentazione della rassegna.

Web Locandina 2017


Festa dell’Uva, soddisfazioni!

Festa dell’uva all’insegna delle grandi soddisfazioni

Turisti ammaliati dalla bontà del vino veneto

Al via ora gli appuntamenti con le cene di “Conegliano incontra i vini veneti”

Non può che ritenersi soddisfatta l’Associazione Dama Castellana: anche quest’anno, la Festa dell’Uva, evento cult dell’autunno coneglianese che si è tenuto il weekend del 23, 24, 25 settembre, ha ottenuto ottimi risultati, con la partecipazione di migliaia di persone accorse dalla città del Cima e tutte le zone limitrofe, in linea con i numeri delle scorse edizioni. “Ci riteniamo soddisfatti, contando che venerdì sera abbiamo anche registrato un record di presenze rispetto gli anni scorsi” affermano gli organizzatori.
Successo dovuto in primis dalla qualità del vino in mescita, oltre 300 etichette selezionate e vincitrici di almeno un riconoscimento al Concorso Enologico EnoConegliano, concorso stesso che ha registrato un aumento considerevole di cantine e vini partecipanti. “Sono state molte anche le cantine che hanno voluto partecipare alla serata di premiazione, nonostante siano in piena vendemmia. Questo non può che farci piacere: è segno che ci tengono al nostro concorso e ai riconoscimenti che porta.”- affermano i priori di EnoConegliano- “Nei giorni di Festa dell’Uva abbiamo visto visitare gli stand e degustare i prodotti non solo da molti enologi o produttori, ma anche imprenditori stranieri: in particolar modo abbiamo avuto l’occasione di parlare con alcuni turisti cinesi, che ci hanno chiesto particolarità dei vini che assaggiavano e che hanno richiesto i riferimenti delle cantine esposte. Segno che il vino può considerarsi veramente prodotto identificatore della nostra zona e di tutto il vino, conosciuto ed apprezzato a livello internazionale”.
Grande apprezzamento non solo verso il vino, ma anche verso i prodotti alimentari presso gli stand di alcuni ristoranti e attività partecipanti all’iniziativa “Incontri con il Gusto”: Antica Trattoria Stella, Bar Al Pio X, Antica Pizzeria, Liolà Caffè e Latteria Soligo, che hanno accontentato tutti i palati e tutti i gusti offrendo formaggio, pesce, pizza, piatti tipici veneti.
Enorme successo per lo stand dedicato alla Regione Puglia: già venerdì sera alcuni vini stavano terminando e negli altri due giorni c’era anche la fila per assaggiare alcuni tra i prodotti tipici salentini.
Fatto centro anche col programma d’intrattenimento, che ha divertito per tre giornate gli spettatori proponendo un mix di spettacoli: grande affluenza di pubblico per la serata salentina, con l’esibizione del gruppo Ariacorte, e la domenica pomeriggio, con la festa dell’Istituto Michelangeli e la presentazione della Imoco Volley. Pubblico d’elite per i fratelli Da Ros, che si sono esibiti venerdì sera e che sono stati apprezzati dai presenti.
La qualità dei vini delle cantine che hanno partecipato al concorso EnoConegliano si potrà degustare ancora grazie alla rassegna “Conegliano incontra i vini veneti”, che per il terzo anno consecutivo, a seguito del grande successo riscontrato nelle due edizioni precedenti, ripropone una serie di cene nei locali più caratteristici del territorio coneglianese. Nove cene in nove settimane che da venerdì 7 ottobre porteranno i vini premiati nei locali coneglianesi, permettendo così ai commensali di apprezzare ciascun vino con la guida di un enologo professionista ed accompagnati da un menù creato ad hoc per ogni cena. Si parte quindi il 7 ottobre all’Antica Osteria Stella, passando poi per Caffè Teatro, Ristorante Al Castello, Osteria Ripasso, Ristorante al Corso, Ristorante Enrica Miron, Ristorante Verdegaio, Ristorante Al Salisà e concludendosi presso l’Associazione Dama Castellana.
Il calendario degli appuntamenti, con i menù ed i vini protagonisti, si trova sulla pagina facebook e sul sito dell’Associazione. Tutte le cene sono solo su prenotazione ed è possibile prenotare direttamente contattando il ristorante.


Festa dell’uva: ultima giornata

La Festa dell’Uva si prepara all’ultima giornata con un finale da campioni

Le Pantere dell’Imoco Volley chiuderanno la manifestazione alle ore 18.00

L’Associazione Dama Castellana e Via XX Settembre si preparano per l’ultimo giorno della Festa dell’Uva, domenica 25, che prevede un pomeriggio all’insegna della valorizzazione dei talenti coneglianesi.
Domenica mattina torna la classica Uva in Gradinata, la vendita di uva da tavola a scopo benefico organizzata dagli “Ortofrutticoli di Conegliano” e a seguire l’aperitivo in piazza con il concerto della Fanfara dei Bersaglieri e della Fanfara Alpina.
Nel pomeriggio la degustazione degli oltre 300i vini vincitori al Concorso EnoConegliano sarà accompagnata dal repertorio musicale dell’Istituto ”Arturo Benedetti Michelangeli”, che proprio quest’anno festeggia i 20 anni di fondazione. L’Istituto Musicale proporrà un concerto “Degustazioni tra jazz e rock”, che vedrà esibirsi sul palco docenti e allievi della sezione moderna, che insieme suoneranno e canteranno i grandi successi della storia del jazz, del pop e del rock e festeggeranno attraverso la musica la kermesse che ogni anno rende frizzante il centro di Conegliano, proclamata città europea del vino proprio quest’anno.
Mentre Piazza Cima è animata dalle voci melodiose dei ragazzi dell’Istituto Michelangeli , tra i bar ed i locali della città si svolgerà il Torneo di Enodama: gli iscritti si sfideranno a dama e le pedine non sono altro che bicchieri di vino, che dovranno essere bevuti ad ogni pedina mangiata. Al termine della giornata la proclamazione del vincitore.
Ma ci sarà inoltre la premiazione del PhotoChallenge #instadama2016: i quattro vincitori saranno presentati al pubblico e premiati dagli organizzatori del concorso, ovvero l’Associazione Dama Castellana, l’Associazione Culturale Enocultour, il gruppo fotografico Inquadra ed Instagramers Treviso. Per tutte e tre le giornate di Festa dell’Uva sarà possibile ammirare un’esposizione di alcune tra le oltre 200 foto partecipanti, che sarà situata in Piazzetta XVIII Luglio.
Momento clou del giorno conclusivo della manifestazione, sarà la presentazione ufficiale delle Pantere dell’Imoco Volley, Campionesse d’Italia: anche per il 2016 la società pallavolista coneglianese ha scelto la cornice della Festa dell’Uva per iniziare la stagione e per presentare ai visitatori ed ai tifosi accorsi le proprie giocatrici ed il proprio staff tecnico.
Si conclude la Festa dell’Uva ma non gli appuntamenti con i vini rpemiati: dal 7 ottobre, infatti, torna l’appuntamento con la rassegna “Conegliano incontra i vini veneti”: nove cene in nove locali coneglianesi per imparare a conoscere ancora di più i vini vincitori di Dame d’Oro e Sigilli d’Argento, abbinati a specialità culinarie ed accompagnati da sommelier professionisti e da enologi di alto livello. Per info www.damacastellana.it.
________________

Per maggiori informazioni http://www.damacastellana.it/wp-content/uploads/downloads/2016/09/Folder-Festa-UVA-2016.pdf
_________________
Associazione Dama Castellana
Patrizia Bravo/Leda Tonon
Ufficio Stampa
ufficiostampa@damacastellana.it


Vinama

Vinama coi calici in aria per gli oltre 300 vini veneti premiati

Sabato 24 alle 20.30 in Municipio la Premiazione di EnoConegliano

Via XX Settembre si riempie di vino e festa con gli amici della Puglia

Dopo la grande apertura del venerdì sera con Proseccando, la Festa dell’Uva ritorna sabato 24 settembre a partire dalle ore 16.30 con Vinama, la degustazione degli oltre 300 vini che hanno partecipato al Concorso Enologico EnoConegliano tenutosi a luglio e organizzato proprio dall’Associazione Dama Castellana. Via XX Settembre e Piazza Cima si riempiranno quindi di buon vino per assecondare i palati di tutti quelli che vorranno bere un calice immersi nella splendida cornice del centro storico di Conegliano, accompagnato da pietanze gastronomiche di alcune tra i locali più noti della città: in Piazza Cima ci saranno infatti stand di Latteria Soligo, con i loro formaggi e prodotti tipici, l’Antica Trattoria Stella con i suoi piatti deliziosi veneti, l’Antica Pizzeria per chi volesse mangiarsi una pizza, il Bar Pio X che offre pesce da passeggio, Liolà con i suoi esclusivi caffè con vinacce. Oltre a questi, ci sarà inoltre lo stand dedicato al vino e ai prodotti alimentari della Puglia, la regione scelta per l’edizione di quest’anno della Festa dell’Uva. Come da consuetudine delle ultime edizioni, ogni anno viene ospitata una regione d’Italia che può così mostrare le proprie eccellenze territoriali e i propri usi e costumi, diffondendo così la cultura popolare, ormai elemento principale in tutte le iniziative della Dama Castellana. E proprio la serata di sabato sera sarà dedicata alla Puglia, che farà danzare Piazza Cima dalle ore 21.30 con il ballo tipico delle sue terre: la taranta. A fare da maestri sarà il gruppo “AriaCorte”, presenti nelle piazze d’Italia, d’Europa e del Mondo da 20 anni a cantare e suonare l’amore per la propria terra, proponendo la danza tipica salentina rivisitata in chiave moderna, pur mantenendo gli antichi strumenti musicali, come il tamburello a cornice e la tammorra.
Mentre si ballerà in Piazza Cima, nella Sala Consiliare del Municipio di Conegliano si terranno invece le premiazioni del concorso EnoConegliano, alla presenza delle autorià e delle cantine premiate al concorso. Un onore per queste cantine che si fanno portavoce del prodotto che più caratterizza la nostra regione, il vino, e che proprio grazie ad esso quest’anno Conegliano è la capitale europea del vino. “Quest’anno si è avuto un incremento del 12% di etichette partecipanti, segno che gli sforzi della nostra Associazione stanno andando nella giusta direzione: un grazie particolare va allo staff che per mesi si impegna per portare avanti questo importante Concorso enologico e che poi lo proietta direttamente in Piazza a settembre”, sono le parole piene di gioia e riconoscimento della presidente dell’Associazione Dama Castellana Anna Maria Gasparini. In particolare, verranno consegnati i due premia speciali di questo EnoConegliano: il Premio De Rosa, consegnato al vino spumante che in assoluto ha ottenuto il miglior punteggio è stato assegnato a Zardetto Prosecco per il vino CONEGLIANO VALDOBBIADENE PROSECCO DOCG SUPERIORE SPUMANTE BRUT MILLESIMATO “REFOSSO” 2015, mentre il Premio Manzoni, assegnato al vino bianco tranquillo prodotto con le uve Incrocio Manzoni 6.0.13 che in assoluto ha totalizzato il miglior punteggio verrà consegnato al PIAVE DOC MANZONI BIANCO “ANIMAFRANCA” 2015 della cantina Casa Baccichetto.


Dalla Festa dell’Uva a Expo Milano

Conegliano, 01.10.2015
COMUNICATO STAMPA

Dama Castellana: dalla Festa dell’Uva all’Expo Milano 2015
Grande successo per la Festa dell’Uva con il gemellaggio con la città di Noto e chiamata dalla Regione per l’apertura del padiglione del Veneto all’Expo di Milano

Sono stati dei giorni intensi e pieni di soddisfazione per l’Associazione Dama Castellana: la Festa dell’Uva, che si è tenuta in centro Conegliano lo scorso week-end, ha registrato un aumento di visitatori rispetto alle scorse edizioni.
Grazie sicuramente alla possibilità di degustare i migliori vini veneti, partecipanti e vincitori al Concorso Enologico EnoConegliano – Selezione Vini Veneti. Le cantine venete, protagoniste della premiazione del Concorso, che si è tenuta il sabato sera, sono rimaste soddisfatte per l’alta qualità della manifestazione e dell’importanza che essa riversa nella promozione dei propri prodotti.
Ma, parte del successo, è dovuto anche al programma d’intrattenimento che l’Associazione Dama Castellana ha previsto in questi tre giorni di festa: balli popolari, musica anni sessanta e settanta, giocolieri e giovani emergenti che hanno richiamato ed attirato più di 40mila visitatori, provenienti anche da fuori regione.
Una scommessa vinta anche quella del gemellaggio tra il Comune di Conegliano e la città di Noto (SR): i netini sono stati protagonisti di molti appuntamenti durante tutta la Festa dell’Uva ed i visitatori hanno apprezzato questo tuffo nella cultura siciliana, sia enogastronomica che storica.
“Lo stand dedicato alla città di Noto è stato molto frequentato ed è arrivato a finire i prodotti ben prima della chiusura della manifestazione” afferma la presidente dell’Associazione Dama Castellana, la signora Anna Maria Gasparini, “continuiamo a ricevere complimenti e messaggi d’affetto da parte del sindaco di Noto Corrado Bonfanti, del Capo di Gabinetto Terranova, del Corteo Barocco di Noto e dei Musici e Sbandieratori Città di Noto per la calorosa accoglienza e per la manifestazione. Speriamo che questa collaborazione possa durare nel tempo e che diventi occasione di scambi di idee”.
Ma la Festa dell’Uva non finisce qui: i priori di EnoConegliano hanno organizzato, per il secondo anno consecutivo, la rassegna “Conegliano incontra i vini veneti”: sette cene in sette diversi locali di Conegliano (Caffè Teatro, Al Refosso, Verdegaio, Enrica Miron, Mezzosale, Al Salisà, Osteria Ripasso ), con la grande chiusura in sede Dama Castellana, in cui è previsto l’accostamento dei vini vincitori della Dame d’Oro e dei Sigilli d’Argento abbinati a prelibatezze enogastronomiche.  Le portate e gli accostamenti saranno presentati da enologi ed i vini serviti da sommelier. La rassegna avrà inizio il 7 ottobre al Caffè Teatro e terminerà il 25 novembre in Dama Castellana. La partecipazione è solo su prenotazione.

Ma non è tutto: venerdì 2 ottobre l’Associazione Dama Castellana, con i suoi Tamburi e Sbandieratori ed alcuni figuranti, sarà presente ad Expo Milano per l’apertura della Settimana “Veneto. Mondo Nuovo”e del Padiglione Veneto. Tre sono gli interventi previsti nel pomeriggio per i nostri ragazzi.
“E’ una grande soddisfazione per tutti noi” affermano Francesco Castelli e Antonio Vazzoler, responsabili del gruppo Tamburi e Sbandieratori, “poterci esibire in un contesto così importante ripaga di tutti i sacrifici che facciamo ogni giorno per poter portare il nome di Conegliano in tutta la regione ed in tutta Italia. Speriamo sia per noi un trampolino di lancio e di rendere soddisfatta la Regione, che ci ha voluto in questa occasione”.


Torna la Festa dell’Uva!

Torna la Festa dell’Uva, dove il divertimento è d’obbligo

Una tre giorni all’insegna dei buoni vini veneti e della tradizione

Ospite d’onore la produzione enogastronomica siciliana


Come ogni anno torna l’autunno, ecco che puntuale torna, l’ultimo weekend di settembre, l’appuntamento con la Festa dell’Uva, il grande evento targato Dama Castellana. Come da tradizione, dal 25 al 27 settembre il centro storico di Conegliano si veste a festa per celebrare il proprio territorio ed i propri prodotti enogastronomici. In particolare, saranno oltre 300 i vini presentati e messi in mescita pubblica, provenienti dalle oltre cento cantine più importanti del Veneto che hanno partecipato al Concorso Enologico EnoConegliano – Selezione Vini Veneti, organizzato dall’Associazione Dama Castellana in luglio. Un’occasione per presentare alle decine di migliaia di persone che ogni anno si riversano in via XX Settembre in questa occasione i migliori vini veneti ed i loro produttori: momento clou sarà infatti la Cerimonia di Premiazione del Concorso, che si terrà sabato 26 settembre alle ore 20,30 nella Sala Consiliare del Comune di Conegliano. Con il suo programma di degustazioni, Proseccando e Vinama, la Festa dell’Uva si conferma un evento importante per il settore vitivinicolo veneto.

Ma la Festa dell’Uva non è solo vino: verrà dato spazio anche alla cultura gastronomica locale con quattro stand dedicati agli “Incontri con il gusto”, nei quali quattro locali coneglianesi proporranno ai visitatori i loro piatti migliori. Si passerà dalla pizza creativa ai piatti di una volta, per terminare con i formaggi più buoni del teritorio e piccoli peccati di gola.

 

Per il secondo anno consecutivo una regione italiana sarà ospite della Festa dell’Uva, chiamata a presentare la propria cultura enogastronomica e le proprie tradizioni. In questa edizione sarà protagonista la Regione Sicilia, con la seconda parte dello scambio culturale avviato dal Comune di Conegliano e dall’Associazione Dama Castellana con la città di Noto. Mentre a maggio è stata Conegliano ospite a Noto con le proprie tradizioni, ora sarà la città di Noto ad arricchire ulteriormente il programma musicale e popolare della Festa dell’Uva, con gli spettacoli del Corteo Barocco di Noto ed i Musici e Sbandieratori Città di Noto, accompagnati dai figuranti e dai Tamburi e Sbandieratori della Dama Castellana. Saranno molte le occasioni che li vedranno protagonisti: in particolare, sabato 26 settembre, con il Corteo Storico, in partenza dalla Stazione dei Treni alle ore 17,30, alla Cerimonia di Gemellaggio, prevista per le ore 19,30 in Piazza Cima, alla presenza del Sindaco di Conegliano, Floriano Zambon, al Sindaco di Noto, Corrado Bonfanti, agli assessori comunali e al Prefetto di Treviso Laura Lega. Inoltre, saranno presenti anche le autorità del Corpo dei Vigili del Fuoco, in occasione del decimo anniversario del nuovo distaccamento della sezione di Conegliano.

 

La domenica mattina, durante Proseccando, la cerimonia di gemellaggio dell’Associazione Dama Castellana con il 33esimo Battaglione Falzarego, che riunisce i militare che hanno prestato servizio alla Caserma San Marco, ora sede dell’Associazione.


A completare il programma, il venerdì sera, durante Proseccando, serata aperta a tutti di balli popolari, con la musica del quintetto Zigo dal Belgio ed in collaborazione coi Gruppi Danze Popolari di Ogliano, di Vittorio Veneto e di Conegliano; il sabato sera, l’esibizione del gruppo Nextime in Piazza Cima, con musica anni sessanta e settanta. La domenica, grande chiusura con la rievocazione storica della produzione artigianali delle botti con i meastri bottai della ditta Garbellotto, il ritorno del Torneo Enodama, l’esibizione del giocoliere Berto di Strada e del cantante Alberto Ceschin, le premiazioni del Concorso Fotografico #damacastellana2015, la consegna di un riconoscimento alla cantina che ha avuto il miglior punteggio durante EnoConegliano e, dulcis in fundo, la presentazione delle pantere dell’Imoco Volley Conegliano.

Si preannuncia quindi un’edizione della Festa dell’Uva ricca di appuntamenti dedicati a tutta la famiglia e rinnovata in ogni dettaglio. Tutto per poter offrire ai prodotti tipici veneti una vetrina importante e per dare ai coneglianesi ed ai visitatori una manifestazioni di livello e dedicata a tutti.