Pioggia alla Festa dell’Uva

La pioggia bagna ma non ferma la Festa dell’Uva

Grande successo per le prime due serate della tre giorni enologica coneglianese, e molte le presenze registrate la domenica nonostante la pioggia.
Domenica mattina molta gente anche alle registrazione di Ricette all’Italiana, con Conegliano e le sue eccellenze al centro del programma
Per la Dama Castellana al via ora gli appuntamenti con le cene di “Conegliano incontra i vini veneti” e il periodo verso il Premio Civilitas.

La pioggia quest’anno ha cercato di demoralizzare la nota manifestazione autunnale coneglianese, la Festa dell’Uva, tenutasi il weekend del 22-23-24 settembre in Piazza Cima, ma invano: la passione per il vino del nostro territorio non ha temuto il brutto tempo e in numerosi sono accorsi anche domenica 24 settembre.
Oltre 10mila le persone accorse dalla città del Cima e tutte le zone limitrofe, in linea con i numeri delle scorse edizioni. “Ci riteniamo soddisfatti, anche se l’amaro in bocca rimane per questa domenica pomeriggio che avrebbe potuto portarci a stabilire un record di presenze assoluto” affermano gli organizzatori.
Successo dovuto in primis dalla qualità del vino in mescita, oltre 300 etichette selezionate e vincitrici di almeno un riconoscimento al Concorso Enologico EnoConegliano, concorso stesso che ha registrato un aumento considerevole di cantine e vini partecipanti. “Sono state molte anche le cantine che hanno voluto partecipare alla serata di premiazione, ed i feedback ricevuti sono molto positivi. Ci ha anche scritto un consorzio padovano, per farci i complimenti e per comunicarci la soddisfazione e l’orgoglio delle cantine a loro affiliate per i premi ricevuti”- affermano i priori di EnoConegliano- “Questo ci fa ben sperare per la prossima edizione del Concorso Enologico, che sarà la ventesima: Conegliano si sta piano piano affermando come il centro di promozione dei vini veneti, così come il Vinitaly lo è a livello internazionale”.
Grande apprezzamento non solo verso il vino, ma anche verso i prodotti alimentari presso gli stand di alcuni ristoranti e attività partecipanti all’iniziativa “Incontri con il Gusto”: Antica Trattoria Stella, Speedy Pizza, Liolà Caffè e Latteria Soligo, che hanno accontentato tutti i palati e tutti i gusti offrendo formaggio, pizza, piatti tipici veneti.

Quest’anno la regione protagonista era l’Umbria ed in particolare i prodotti provenienti dalle zone terremotate: l’Associazione Dama Castellana, grazie al volontariato di alcuni membri, ha stretto un forte legame di collaborazione ed aiuto con il paese di Norcia e i suoi abitanti, tanto che è la seconda volta che sono stati ospitati a Conegliano. E quale scenario migliore della Festa dell’Uva, manifestazione che valorizza i prodotti autoctoni?
Fatto centro anche col programma d’intrattenimento, che ha divertito per tre giornate gli spettatori proponendo un mix di spettacoli: grande affluenza di pubblico per la serata di venerdì con il Karaoke dei Karavoice e soprattutto il sabato, grazie ai Cinquequarti. La domenica pomeriggio alte presenze per la presentazione dell’Imoco Volley, spostata sotto la Loggia del Municipio causa brutto tempo. La pioggia non ha voluto fermare però quei temerari che domenica mattina si sono presentati in Piazza per le registrazioni del programma “Ricette all’italiana”, con al centro Conegliano e le sue eccellenze. Nutrito il gruppo di volontari dell’Associazione Dama Castellana che ha preso parte ai ciak: il nostro Gruppo Tamburi & Sbandieratori Dama Castellana, la Dama di Piazza Laura e altri nostri figuranti, l’enologo Marzio Pol e la cuoca Valeria.
La qualità dei vini delle cantine che hanno partecipato al concorso EnoConegliano si potrà degustare ancora grazie alla rassegna “Conegliano incontra i vini veneti”, che per il quarto anno consecutivo, a seguito del grande successo riscontrato nelle edizioni precedenti, ripropone una serie di cene nei locali più caratteristici del territorio coneglianese. Nove cene in nove settimane che da venerdì 7 ottobre porteranno i vini premiati nei locali coneglianesi, permettendo così ai commensali di apprezzare ciascun vino con la guida di un enologo professionista ed accompagnati da un menù creato ad hoc per ogni cena. Si parte quindi il 4 ottobre alla Trattoria Costabella, passando poi per Al Ponte Maset, Ristorante Al Salisà, Ristorante Al Castello, Per -Perenzin, Osteria Ripasso, Ristorante al Corso, Ristorante Dissapore, e concludendosi presso l’Associazione Dama Castellana.
Il calendario degli appuntamenti, con i menù ed i vini protagonisti, si trova sulla pagina facebook e sul sito dell’Associazione. Tutte le cene sono solo su prenotazione ed è possibile prenotare direttamente contattando il ristorante. Venerdì 29 settembre alle ore 18.00 presso il caffè Teatro si terrà la presentazione della rassegna.

Web Locandina 2017


Lascia un commento